TORNA LA FESTA DI MARISCHIO CON LE SPUNTATURE

Torna la Festa di Marischio. Sono ormai 37 anni che la frazione più popolosa del Comune di Fabriano si colora d’estate con uno degli eventi più apprezzati del comprensorio: la sagra delle spuntature. Un piatto semplice ma difficile da degustare altrove che è diventato il punto di forza del paese. I residenti hanno preparato, anche per quest’anno, una festa per tutte le età. Dal 24 al 26 luglio, giovani e non sono attesi a Marischio. Dalle ore 19, tutte le sere, negli stands gastronomici, si potranno mangiare i piatti della tradizione cucinati dalle cuoche marischiane. Poi spazio al divertimento. Venerdì 24 musica con Graziano e Letizia, sabato 25 spettacolo con Massimo e Patrizia e domenica il gran finale con gli Scacciapensieri. La piazza don David Berrettini ospiterà anche giochi popolari. Immancabile, come sempre, il gioco della ruota della fortuna che non perde il suo splendore nemmeno con il passare degli anni. Ma il divertimento giovanile è di casa a Marischio con la Festa dello Sgarufo: in contemporanea, infatti, tutte e tre le sere, dalle ore 22,30, l’appuntamento è con la musica e tanto altro fino a notte fonda presso il campetto della parrocchia che è stato recentemente risistemato. Nelle ultime edizioni migliaia di giovani hanno scelto lo Sgarufo per trascorrere l’ultimo week end di luglio all’insegna del divertimento. Da mesi i ragazzi dell’Associazione Promozione Sociale lavorano a pieno ritmo per offrire un’edizione speciale della festa che vede salire in frazione anche gruppi di giovani provenienti da zone limitrofe come Pergola, Gualdo Tadino,  Matelica. In questi giorni, poi, è festa doppia perché è finalmente arrivato il servizio adsl della connessione veloce a internet. Un’opportunità attesa da molti anni. Proprio i marischiani hanno chiesto all’amministrazione comunale un segno di attenzione in più. “Non dobbiamo lasciar morire i nostri piccoli paesi e concentrare tutto in città – confidano alcuni – perché le tradizioni, le usanze e i sapori dei nostri abitati sono un patrimonio da non dimenticare. Anche le istituzioni devono dare di più alle frazioni. E’ importante che il Comune faccia sentire la sua voce potenziano i trasporti pubblici nei paesi e inserendo in pianta stabile l’operatore ecologico che garantisca così un’immagine più decorosa alle nostre strade.” Nell’ultimo mese si sono registrati notevoli arrivi di fabrianesi e non che hanno preso d’assalto la pineta di Marischio per le passeggiate estive. Un luogo, lontano dalla città, che permette di stare a contatto con la natura e ritemprarsi dalla calura estiva.

m.a.