UN FABRIANESE E’ CAMPIONE NAZIONALE DEL TIRO DEL CACIO

Il fabrianese Eugenio Cofani è il campione nazionale del tiro del cacio nella sua forma leggera. In otto magistrali tiri ha conquistato la 14esima edizione del Campionato italiano individuale del lancio della forma di formaggio fino a 1,5 kg. Campionato che si svolgeva l’ultimo fine settimana di marzo a Cittareale, in provincia di Rieti. Un gioco non facile, regolamentato dalla Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali e riconosciuto dal Coni. Lo si gioca con una fettuccia, su una strada campestre oppure su delle piste in terra battuta puntando a lanciare la forma il più lontano possibile con un numero prefissato di lanci. Ma l’interessante è che, in caso di rottura, mentre il pezzo più grande determina il segno per ripartire con il tiro, gli altri pezzetti sono a disposizione …dell’appetito degli spettatori. “Già nel 2012, nel IX campionato individuale di Ferentino – spiega Eugenio Cofani – avevo conquistato il titolo di campione italiano di rulletto, fatta in legno dal peso di 1,6 kg. Mentre quest’anno ho vinto  il lancio del formaggio categoria leggera. Mi manca a questo punto solo la ruzzola e avrò collezionato i tre titoli nazionali”. E’ orgoglioso delle sue vittorie, Eugenio Cofani, perché è un gioco della tradizione ed anche perché s’inserisce in un momento particolare dove sta rilanciando i suoi investimenti nel comune di Genga. A San Vittore, dove ha già investito 24 milioni di euro, sta riposizionando il suo resort “Le Nuove Terme” accentuando l’aspetto wellness senza trascurare il curativo e punta a trasformare la struttura in un cinque stelle lusso con tutte le necessarie modifiche urbanistiche per l’ampliamento. “Genererà 150 posti di lavori diretti ed altri 300 indiretti a regime” commenta. E poi la speranza della riapertura della discoteca Pulvisia, altri 20 milioni investiti dal gruppo Cofani a Genga che animava Frasassi di notte, dava lavoro a 110 persone ed era uno strumento contro il turismo mordi e fuggi così caratteristico di chi viene a visitare le grotte.

error: Attenzione: Riproduzione delle notizie vietata - Diritti riservati
Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy