EX A.MERLONI, RIUNIONE AL MISE IL 29/1. PREOCCUPAZIONE RSU MELANO

E’ stata convocata il 29 gennaio alle 12, al ministero per lo Sviluppo economico, la riunione relativa all’Accordo di programma per la disciplina degli interventi di reindustrializzazione delle aree coinvolte dalla crisi del Gruppo Merloni. “Ribadiremo al vice ministro De Vincenti che sono urgenti la proroga dei termini dell’Accordo in scadenza a marzo e la modifica dei criteri di accesso per favorire investimenti e lavoro”, annuncia Stefano Mastrovincenzo, segretario della Cisl Marche.

INDESIT-WHIRLPOOL: IL COMUNICATO RSU STABILIMENTO MELANO

La Rsu dello stabilimento di Melano preso atto della mancata convocazione entro dicembre scorso da parte del MISE, del coordinamento nazionale e della nuova proprietà Whirlpool, secondo quanto annunciato ad ottobre ’14, ritiene importante che la richiesta delle segreterie nazionali inviata al Ministero stesso, debba essere soddisfatta entro gennaio, onde chiarire il futuro del nostro stabilimento, ed il rispetto del piano sottoscritto a dicembre 2013. Infatti, fino ad ora, abbiamo condiviso quanto previsto dal suddetto, che prevede il progressivo spostamento dei piani cottura verso Caserta, cominciato a fine 2014 e che dovrebbero essere sostituiti, nel secondo semestre del 2015, da forni internalizzati da un produttore esterno, con i relativi investimenti. Cio’ che desta in noi forte preoccupazione, è la mancata conoscenza dei dettagli del piano d’investimenti di 11,5 mln. di €, che ci consenta di capire se l’accordo sottoscritto con la società uscente vada avanti e si realizzi nella sua interezza, anche al fine di garantire i livelli occupazionali. Difatti seppure la vecchia proprietà a suo tempo abbia ribadito il rispetto dell’accordo, e il MISE ribadito “l’intangibilità” di esso, si chiede con forza alla nuova proprietà il rispetto degli impegni presi e la rottura dell’assordante silenzio che aleggia negli ultimi mesi, con il confronto in sede istituzionale, per diradare la nebbia dell’incertezza e della tensione che aleggia tra i lavoratori.

Contattaci al 393 000 9690
Prima di iniziare la conversazione è obbligatorio accettare la nostra privacy policy