GIGLIOLA MARINELLI INTERVISTA IL RETTORE UNICAM FLAVIO CORRADINI

Inaugurato a Fabriano un nuovo corso di formazione sulla manifattura e conservazione dei materiali cartacei che vede come promotori Unicam, Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana e Comune di Fabriano. Abbiamo incontrato il Magnifico Rettore di Unicam Flavio Corradini per una panoramica sulle attività dell’ateneo e sulle progettualità nel territorio di Fabriano.

Rettore il 5 febbraio avete inaugurato il 679°anno accademico con un tema importante, “Università e società”, che risposta avete avuto?
Il tema scelto quest’anno è stato “Università e Società: percorsi di crescita, strategie di sviluppo”. In questo momento storico che vede l’Italia cambiare, innovare e stimolarci in maniera significativa, dimostrandoci di essere capace di innovazione di rottura e non solo incrementale, UNICAM deve continuare il percorso di istituzione strumentale alla crescita del nostro Paese, della nostra società. Se la società cambia, l’università non può e non deve ostinarsi a non ascoltare ed ignorare il cambiamento; deve interrogarsi, interpretare e rispondere adeguatamente alle esigenze della società. Anche nelle situazioni di difficoltà, le uniche costanti che non possono e non devono variare nel tempo sono la passione e l’entusiasmo nello svolgimento dei propri compiti istituzionali, il coraggio, la forza, l’instancabile determinazione e la massima attenzione alla qualità e al miglioramento continuo. Ecco, per UNICAM, questi valori non sono mai cambiati e mai cambieranno.
E per questo che siamo stati orgogliosi di aver ospitato tre personaggi, tre testimonianze che hanno veicolato un messaggio positivo, di rinascita e di nuova consapevolezza, consapevolezza di vivere in un periodo storico certo non facile, irto di ostacoli, di momenti difficili, talora drammatici, che tuttavia possono e devono essere superati: in ambito privato, in ambito lavorativo, in ambito sociale. Sono stato con noi Marco Luppa, amministratore delegato della JH Conceria del Chienti spa che chiamato per liquidare l’azienda, ha invece riunito i dipendenti in cooperativa, trovato parte delle risorse in finanziatori stranieri e salvato i posto di lavoro; Nazzareno Mengoni, giovane architetto titolare dell’azienda Kubedesign, azienda innovativa che ha punato tutto sul cartone, materiale nobile e tutto da scoprire; Mary Garret, la ballerina solista del corpo di ballo del Teatro alla Scala di Milano, licenziata per aver denunciato i metodi poco ortodossi che inducevano le ballerine all’anoressia e reintegrata da una recentissima sentenza della Corte di Appello di Milano.

Per le giornate “Porte aperte Unicam” dedicate all’orientamento universitario avete registrato una rilevante presenza di studenti. Quanti iscritti conta Unicam in questo anno accademico e in quali corsi universitari risultano più affluenze?
Sì, ha ragione, lo scorso mese di gennaio l’Ateneo è stato “invaso” da quasi 1400 studenti delle scuole secondarie superiori provenienti non solo dalla Regione Marche, ma anche dalle Regioni limitrofe. Si è trattato per loro hanno di un’ottima opportunità per conoscere da vicino il nostro Ateneo, i percorsi di studio, le professioni, di chiarire i dubbi o aprire riflessioni, di assistere a dimostrazioni, piccoli esperimenti e simulazioni e soprattutto di iniziare a ‘costruire il proprio futuro’. Estremamente positivi sono i dati relativi alle immatricolazioni alle Scuole di Ateneo, che per questo anno accademico fanno registrare un +12% rispetto allo scorso anno, contrariamente ad una tendenza a decrescere a livello nazionale. Eccellente la performance dei corsi di laurea in Biologia della nutrizione, Matematica e applicazioni, Giurisprudenza. Ugualmente positivi sono anche i dati relativi all’occupabilità dei laureati: l’82,1% dei laureati intervistati a tre anni dal titolo è occupato.

Parliamo dell’innovativo progetto di formazione sulla manifattura e conservazione dei materiali cartacei, appena inaugurato a Fabriano, promosso da Unicam, Fondazione Carifac e Comune di Fabriano. In cosa consiste e quali obiettivi si prefigge?
Per questo nuovo corso di perfezionamento abbiamo messo a disposizione del territorio le competenze dei docenti e dei ricercatori del nostro corso di laurea in Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione ed il Restauro. Il corso è rivolto a coloro che vogliono acquisire solide conoscenze teoriche e pratiche e formare o riqualificare operatori nel settore della gestione e nel restauro di raccolte storiche manoscritte e a stampa antiche capaci di utilizzare metodologie e strumentazioni innovative. Sono coinvolti in qualità di docenti, ricercatori ed artigiani esperti del settore. Obiettivo del corso è infatti quello di favorire la riscoperta degli antichi mestieri come opportunità lavorativa per i giovani che vogliano avviarsi ad un lavoro sempre più utile e al tempo stesso creativo, ma è anche rivolto al recupero e riscoperta dell’identità della cultura territoriale marchigiana.

Questo progetto conferma un interesse da parte di Unicam verso il territorio di Fabriano? Sono previste altre iniziative e progettualità che coinvolgeranno Fabriano?
L’Università di Camerino, nell’ambito della sua mission, ha avviato una sistematica collaborazione tra ateneo e territorio. Abbiamo dato vita alla “Consulta permanente per lo Sviluppo” con l’obiettivo di individuare le strategie più opportune per favorire lo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio, grazie alla collaborazione tra gli enti e le istituzioni, e abbiamo fortemente voluto che anche il Comune di Fabriano ne facesse parte. E’ per me motivo di grande soddisfazione essere riusciti a far sedere tutti intorno allo stesso tavolo i Sindaci dei Comuni del nostro circondario, per una proficua e sinergica collaborazione su progetti ed iniziative che siano vantaggiose per tutti. Solo per citare due successi siamo riusciti ad ottenere finanziamenti nell’ambito del Distretto Culturale Evoluto e del Progetto sulle Aree Interne. Senza dubbio la collaborazione continuerà, ma per ora non vi voglio svelare nulla…

Gigliola Marinelli