AREA VASTA 2, CERISCIOLI: “SITUAZIONE VERRA’ RISOLTA IN TEMPI BREVI

Ancona – “La questione dell’Area Vasta 2 è sotto costante monitoraggio e verrà risolta in tempi brevissimi”. Lo ha assicurato, nei giorni scorsi, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, nel corso dell’incontro con il sindaco di Senigallia e presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi e il sindaco di Jesi Massimo Bacci (foto)che hanno segnalato sia le criticità che le possibili soluzioni da condividere insieme. Assente per precedenti impegni il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli. “L’Asur – ha ricordato il presidente Ceriscioli – ha già prorogato i contratti per oltre 300 dipendenti della sanità pubblica dell’Area Vasta 2, il cui impiego sarebbe cessato il prossimo 15 giugno, per garantire l’attivazione del piano ferie. Con Mangialardi e Bacci abbiamo inoltre convenuto che tra due settimane si riunirà l’Assemblea dei sindaci dell’Area Vasta 2 proprio per fare il punto della situazione. E’ stato inoltre immediatamente avviato sia il percorso per la sostituzione dell’ex direttore dell’Area Vasta 2, Coacci, che si completerà in brevissimo tempo, così come è in dirittura d’arrivo l’iter per il rinnovo delle nomine dei direttori generali delle aziende ospedaliere marchigiane”.

Uil Fpl, Sanità Area Vasta 2: “Non c’è mai fine al peggio”

“La UIL FPL dell’Area Vasta 2 apprende con stupore delle dimissioni del nuovo Direttore dell’Area Vasta 2, insediatosi appena un mese fa e più precisamente il 21 Aprile 2019, lasciando ancora una volta l’Area Vasta 2 priva del “proprio capitano” con tutte le gravità e difficoltà presenti nella medesima. Occorre precisare che senza incremento del tetto di spesa sul costo del personale dell’Area Vasta n. 2, che la Direzione Asur  e la Direzione dell’Area Vasta n.2 dovrebbero operare, e che più volte abbiamo chiesto nei tavoli istituzionali all’uopo dedicati per garantire i servizi ospedalieri e territoriali dell’Area Vasta n.2, le criticità presenti non potranno essere risolte. Come Uil prendiamo atto delle proroghe dei contratti a tempo determinato del personale sanitario dell’Area vasta 2 in scadenza a far data del 15 giugno 2019 che corrispondono a n.300 unità, proroghe che potrebbero garantire le ferie estive del personale dipendente, ma che a nostro avviso risultano essere insufficienti per garantire i servizi, sia ospedalieri che territoriali, ai cittadini. Da parte nostra continuiamo a chiedere ad Asur e alla Direzione di Area Vasta 2 di adottare politiche assunzionali del personale al fine di coprire tutte le cessazioni di personale a vario titolo (pensionamenti vari, assunzioni incarichi a tempo in/determinato presso altre Aziende e presso altre Regioni) onde evitare la chiusura e/o privatizzazioni di servizi sanitari e strutture, con gravi svantaggi per i cittadini tutti”.