INTERPELLANZA SCRITTA A PENNA, BOTTA E RISPOSTA GIOMBI-TOBALDI

Scontro tra maggioranza e opposizione. Dito puntato contro l’interpellanza sull’Agenzia delle Entrate presentata dal consigliere di Fabriano Progressista, Andrea Giombi. I motivi? Diversi secondo la presidenza del consiglio comunale. Uno di questi è che il documento è stato scritto a penna. Giombi presenta interpellanza per capire il futuro di questo ufficio importante per tutto l’entroterra e cosa abbia intenzione di fare l’Amministrazione per evitare di perdere questo servizio, ma invece del pc, prende carta e penna. Questa la risposta di Giuseppina Tobaldi. “L’interpellanza presentata il 15 gennaio è respinta. Come più volte evidenziato in precedenti occasioni e anche nei confronti di altri consiglieri – scrive la presidente Tobaldi – la forma è altrettanto importante della sostanza. Pertanto una interpellanza presentata così, con grafia a mano, non è accettabile. Un’interpellanza andrebbe motivata con una premessa argomentata tale da giustificare la necessità dell’interpellanza stessa. In merito all’oggetto, essendo questi atti finalizzati a rendere pubbliche le intenzioni e/o le posizioni dell’Amministrazione su questioni di interesse collettivo, le informazioni chiese sono stato già comunicate dal sindaco pubblicamente sugli organi di stampa rendendo quindi superato l’argomento”. La replica del consigliere non si è fatta attendere. “Gentile presidente – dichiara – non vi è un addentellato normativo che impedisca la facoltà di scrivere a penna. L’interpellanza è motivata. La risposta di cui lei fa riferimento e successiva alla data di protocollo. Se lei non inserisce lato all’ordine del giorno mi rivolgerò in Prefettura e presso la Procura della Repubblica”.

Botta e risposta

Le polemiche sono nate sui social. A commentare l’interpellanza protocollata era stato il Movimento 5 Stelle. “Sebbene la sostanza sia in genere più importante dell’apparenza… presentare dei documenti in questo stato è indicativo di come l’opposizione sia solita operare. Grafomani in preda alla fretta pur di presentare qualsiasi sussulto di pseudo notizia aleggi nell’aria. Andrebbero direttamente respinti!” il commento di M5s Fabriano su Facebook. Il senatore Sergio Romagnoli: “Allucinante presentare un documento sotto questa forma. Non andrebbe accettata”. Di pensiero diverso il consigliere Giombi. “Ho la libertà di scrivere a penna o al pc. Non capisco questa inutile polemica. Molti cittadini mi hanno contattato per interpellare l’Amministrazione sul futuro di questo importante ufficio e ho fatto semplicemente il mio dovere. E, considerato lo scarso numero dei Consigli comunali, ho protocollato immediatamente per evitare ulteriori perdite di tempo. Al senatore Sergio Romagnoli rispondo di pensare alle cose serie ed evitare di fare propaganda come quando ha riferito in Consiglio, insieme al Senatore Coltorti, che i lavori sulla statale sarebbero ripresi a fine novembre”.

Tutti gli aggiormenti sul futuro dell’Agenzia delle Entrate nel nostro articolo. 

Marco Antonini