GIORNI PIENI DI EVENTI A SASSOFERRATO

“SeratAvis”, questo il titolo della Festa di venerdì 7 dicembre che si terrà alle ore 21,00 presso il Teatro Comunale del Sentino. La serata organizzata della sezione Avis di Sassoferrato con il patrocinio del Comune, sarà collegata alla campagna di raccolta fondi Telethon. Molti anni sono passati dal 13 settembre 1959, quando venne proposta la costituzione della “Sezione Comunale” di Sassoferrato dell’AVIS che si ufficializzò nell’ aprile 1960, e il prezioso lavoro dei volontari continua per garantire il centro di raccolta fisso, tra i primi nelle Marche, attivo dal 1975, che ora si trova all’interno dell’Ospedale di Sassoferrato. Importante anche l’opera di sensibilizzazione svolta al fine di incrementare le iscrizione di nuovi donatori, e la partecipazione dei giovani attraverso l’organizzazione di attività varie come quella di venerdì 7. Serata di festa che prevede, oltre alla tradizionale premiazione dei donatori e dei benemeriti, un momento dedicato al Concorso per 3 Borse di Studio. Il Concorso, rivolto ai neo diplomati di ogni Istituto Superiore (a.s. 2017/2018) prevedeva l’assegnazione ai ragazzi partecipanti, donatori o figli di donatori di sangue attivi e iscritti all’Avis Comunale di Sassoferrato, di un premio di euro 200,00 da attribuirsi in base al punteggio ottenuto all’esame di maturità, alla lode e al maggior numero di donazioni dirette o raggiunte dai propri genitori. Si sono contraddistinti nell’anno scolastico di riferimento e verranno premiati durante la serata di venerdì i sentinati Valerio Donnini e Daniele Boldrini entrambi giovani donatori che si sono aggiudicati rispettivamente il primo e secondo posto, mentre il 3^ premio andrà ad Eleonora Cesandri di Genga, quale figlia di donatore. Un divertente spettacolo teatrale chiuderà la serata, la Compagnia di Argignano, metterà infatti in scena la commedia “Cennorentola”, scritta da Lucia Angeletti che propone una serie di favole recitate in maniera divertente e brillante.

8 dicembre a Sassoferrato

Tradizionale Accensione dell’Albero di Naturale Addobbato più Alto d’Italia l’8 dicembre a Sassoferrato. La giornata si caratterizza per una serie di eventi a partire dalla mattinata dedicata al “XXIII Memorial Primo Pellicciari, 6 squadre della categoria “Primi Calci” anni 2010/2011 iscritte alle società di calcio Sassoferrato Genga, Junior Pergolese e Fabriano Cerreto si affronteranno in sane e divertenti competizioni presso il Palasport di Sassoferrato, in Via Rulliano dalle ore 9,00 alle ore 12,30, dopodichè si procederà alla premiazione di tutti i partecipanti. Nel primo pomeriggio dalle ore 15,00 tutti in Piazza Bartolo dove tante iniziative si susseguiranno regalando un’atmosfera di festa e armonia, dalla musica sotto l’albero alla realizzazione di decorazioni da parte dei bambini, dalla possibilità di gustare del buon street food, alla visita al mercatino. I bambini saranno coinvolti in laboratori, si potranno ammirare mini attrazioni in piazza ed equilibristi, la sezione locale della C.R.I. proporrà l’attività “Tutti da Babbo Natale!” Visita alla “Casetta di Babbo Natale. Si potranno inoltre gustare castagne e vin brulè che riscalderanno il corpo ed il cuore. Inoltre, Bike Park di Babbo Natale in Piazza Gramsci e l’esibizione del “piccolo coro di Natale …… le dolci voci dei bambini. Infine folklore e allegria assicurati con lo spettacolo de “La Martinicchia”, gruppo di stornellatori e cantastorie dal repertorio ispirato a motivi popolari, saltarelli, stornelli caratteristiche canzoni dialettali scritte e musicate da alcuni componenti del gruppo. Naturalmente il momento clou della giornata sarà l’accensione dell’albero, un appuntamento ormai storico che quest’anno vedrà la partecipazione di Marco Scarponi, fratello del campione marchigiano Michele Scarponi, vincitore del Giro d’Italia nel 2011, scomparso il 22 aprile del 2017 a causa di un tragico incidente stradale a Filottrano. Presenza importante quella di Marco che porta avanti una campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale, soprattutto degli utenti più deboli della strada, proprio nel ricordo di Michele. Questo uno dei motivi che hanno spinto la famiglia Scarponi, che si batte perché a nessuno capiti più quanto successo a Michele, a costituire ufficialmente l’ 8 maggio 2018, la “ Fondazione Michele Scarponi”.