“LA MAGGIORANZA CONFERMA LA VOLONTA’ DI SFIDUCIARMI”

Fabriano – Scontro politico all’interno della prima Commissione Area istituzionale. Il Movimento 5 Stelle, tramite il capogruppo, William Giordano, ha presentato mozione di sfiducia nei confronti del presidente, Andrea Giombi, consigliere del gruppo Fabriano Progressista. Ieri sera la riunione in Commissione. “La maggioranza – dichiara Giombi – conferma la volontà di sfiduciarmi. Intanto il sindaco, Gabriele Santarelli, non é ancora venuto a riferire, per la seconda volta, sullo stato di attuazione dell’Area vasta montana”. Non si placa il clima tra le forze politiche della città della carta. “Il Movimento 5 Stelle di Fabriano definisce il Consiglio comunale sulla 76 che si è tenuto martedì un teatrino per la minoranza e abbandona persino l’Aula togliendo il numero legale e impedendo la discussione. Poi richiede, con una semplice mail, la sfiducia del sottoscritto come Presidente di Commissione Affari Istituzionali perché vogliono approvare velocemente l’importantissimo regolamento che disciplina i lavori tra minoranza e maggioranza” il commento di Andrea Giombi su una vicenda che andrà avanti ancora per giorni. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco, Gabriele Santarelli. “Ritengo che gli ultimi avvenimenti segnino una sconfitta per tutti. La scelta di lasciare la presidenza della Commissione a un rappresentante delle forze di opposizione si è rilevata un boomerang. Si antepone il protagonismo personale al bene della comunità smarrendo l’obiettivo per il quale ci troviamo al nostro posto: lavorare per apportare benessere ai nostri cittadini e non per emergere personalmente perseguendo la strada dello scontro perenne e sterile. La presidenza – dichiara il primo cittadino – non si usa par fare opposizione. La Commissione svolge un compito importante per l’andamento dei lavori del consiglio e anche per l’approvazione degli atti di Giunta e per altre proposte della maggioranza. La presidenza ne determina i tempi di convocazione e l’ordine del giorno. Se queste prerogative vengono usate per fare opposizione e rallentare l’attività significa che il Presidente non sta adempiendo al suo ruolo ed è doveroso metterlo in discussione”.

m.a.