E’ MORTO OSVALDO BRANDI, IMPIEGATO E SINDACALISTA. UNA VITA A SAN GIUSEPPE

E’ morto a 68 anni Osvaldo Brandi, ex impiegato e sindacalista Cisl delle Cartiere Fedrigoni. Padre di Giacomo, marciatore fabrianese che ha conquistato molte medaglie, ha dato il via alle attività parrocchiali nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore, appena costruita, negli anni ’70. Fabriano saluta un uomo che ha dato tanto alla città. In molti si sono ritrovati ieri pomeriggio, nella chiesa che ha visto nascere, per l’ultimo saluto. E’ stato il parroco, monsignor Tonino Lasconi, vicario generale della diocesi, a celebrare le esequie. Osvaldo è morto venerdì sera all’Hospice dell’ospedale Profili dove era ricoverato da tempo per colpa di un male incurabile. In tanti si sono stretti intorno alla madre Mafalda, alla moglie Luciana e ai figli Simona, Alessia, Diletta, Giacomo e Andrea in questo momento di dolore. Dopo il funerale la salma di Osvaldo è stata sepolta presso il cimitero delle Cortine. “Un lavoratore instancabile che ha dato il meglio in ogni situazione, anche la più difficile” il ricordo degli amici di sempre. Osvaldo ha prestato servizio come impiegato presso le Cartiere Fedrigoni dove è stato anche sindacalista con la Cisl. Verrà ricordato da tutti come uno dei primi animatori della vita parrocchiale a San Giuseppe Lavoratore, la chiesa costruita negli anni ’70 dove Osvaldo ha collaborato con i sacerdoti di allora nella creazione dei gruppi soprattutto con i giovani. Negli ultimi anni si è concentrato anche sull’attività sportiva di suo figlio Giacomo, 20 anni, campione tesserato con la società Sport Atletica Fermo. Si può dire che ha seguito le orme di famiglia visto che sia papà Osvaldo che lo sono stati due podisti amatoriali. Giacomo, infatti, ha iniziato, poi è riuscito a entrare nella top ten ai campionati mondiali under 18 di Cali, in Colombia, piazzandosi al nono posto, secondo fra gli atleti europei al traguardo.

Marco Antonini