LA LEGA ARRIVA A SASSOFERRATO

Sassoferrato – “In questi ultimi anni abbiamo visto una  Italia invasa da una immigrazione incontrollata e un Europa che cosi’ gestita ci ha solo danneggiati , curando gli interessi di Francia e Germania. Oggi siamo più forti, siamo più uniti, il vicepremier Salvini sta facendo sentire la sua voce in Europa e la Lega sta crescendo in tutta Italia”. Così il direttivo di Sassoferrato della Lega si è presentato alla città sentina. “Dopo anni caratterizzati da scontri tra liste civiche che hanno sottostato ai voleri dei poteri forti , difendendo unicamente i propri interessi, si torna a parlare di politica a Sassoferrato e di un partito attualmente al governo: la Lega che ha come primo scopo difendere gli interessi degli italiani e quindi dei sassoferatesi”, questo il punto del coordinatore Giovanni Mezzopera.

“Noi siamo qui a dare inizio ad un percorso nuovo fatto di persone volenterose e determinate. Il nostro direttivo  – spiega – nasce dal desiderio e la voglia di cambiare le cose di mettersi in gioco, in noi c’è un entusiasmo che da tempo non si vedeva in gente che vuole mettersi in politica e questo non può fare che bene al territorio e alla città di Sassoferrato. Il nostro obiettivo e riportare Sassoferrato e i Sassoferratesi al centro della politica del territorio perchè abbiamo molto da dire e adesso finalmente abbiamo chi ci ascolta. La Lega unisce un entroterra abbandonato e dimenticato della regione Marche, si stanno creando delegazioni in ogni comune, dopo Fabriano è il nostro turno e sappiamo già che ne arriveranno altri entro l’anno anche nei comuni limitrofi”. Tanti gli obiettivi del direttivo locale. “Lavoro, immigrazione, case popolari e scuole, turismo – conclude – verranno affrontati nell’interesse dei cittadini. Chiediamo la collaborazione di tutti voi per costruire insieme il nostro futuro e vi  invitiamo ad essere partecipi alle nostre iniziative e a contattarci direttamente”. Il direttivo è formato da: Giovanni Mezzopera, Augusto Checchi ed Emanuel Cimarelli. Alla presentazione a Sassoferrato ha preso parte anche il coordinamento di Fabriano e il consigliere regionale Sandro Zaffiri.

m.a.