5 PER MILLE, AL COMUNE DI FABRIANO 7.294 EURO PER L’ANNO D’IMPOSTA 2015

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali ha disposto, nei giorni scorsi, l’assegnazione ai Comuni del 5 per mille per l’anno finanziario 2016 relativo all’anno d’imposta 2015. Al Comune di Fabriano è stata assegnata la somma di 7.294,30 euro che verrà destinata alle attività dei Servizi sociali. Una cifra relativamente bassa che potrebbe crescere nel tempo con un’adeguata campagna informativa. Il consigliere di Fabriano Progressista, Andrea Giombi, ha depositato una mozione negli uffici comunali a seguito di uno studio fatto insieme al dottor Nicola Porcarelli e all’avvocato Vincenzo Carella. “La devoluzione del cinque per mille al Comune di Fabriano o ad altri enti cittadini, potrebbe comportare un incremento annuale di circa 500.000 euro. Nella condizione in cui versa il nostro territorio – spiega Giombi – ogni risorsa potrebbe essere fonte di un reale miglioramento per i servizi di natura sociale al cittadino”. Dai dati studiati risulta che nel 2014 e nel 2015 solo 4.485 fabrianesi, dei 22.286 dichiaranti redditi soggetti ad Irpef, hanno effettuato la scelta di destinare il loro 5 per mille a favore del Comune e delle associazioni operanti in città per un totale di 128.939 euro di contributi che avrebbero potuto quindi aumentare più o meno di cinque volte (cioè fino ad oltre 600.000 euro) se la scelta a favore del Comune o degli altri Enti indicati dal decreto legislativo fosse stata fatta da tutti i 22.286 dichiaranti nel 2014. Stessa situazione che si è verificata l’anno successivo tanto che nei giorni scorsi al Comune è stata accreditata la somma di 7.294 euro. “Questa sotto utilizzazione continua sin dal 2006, anno di introduzione della possibilità di scelta della destinazione del 5 per mille – denuncia Giombi. – Si sarebbe potuto ottenere un incameramento di risorse per il nostro territorio di almeno 4 milioni di euro. Serve una campagna informativa per stimolare la cittadinanza”.

m.a.

error: Riproduzione delle notizie e delle immagini vietata - Diritti riservati