“LAVORARE ED EVITARE IL FALLIMENTO”

Ancora nulla di fatto per la Tecnowind di Fabriano. Si è svolto ieri, lunedì 13 novembre, il primo tavolo di confronto sindacale sulla procedura di mobilità aperta lo scorso 26 ottobre dall’azienda il cui piano concordatario è stato depositato presso il tribunale di Ancona il 4 novembre. “L’Azienda – spiega in una nota i sindacati – dichiara che ad oggi le uniche manifestazioni di interessi in essere per eventuali acquisizioni, riguardano gli Asset, in maniera prevalente il sito cinese. Sono stati illustrati i contenuti del piano a fronte dei quali le Organizzazioni Sindacali hanno dichiarato che è necessario esercitare tutte le pressioni per permettere all’azienda di continuare a lavorare ed evitare il fallimento. Risulta quindi indispensabile partire dalla riduzione del numero di esuberi per iniziare a discutere di tutte le azioni da mettere in campo per questa difficilissima vertenza ed eventuali percorsi da attivare in sinergia con tutti i soggetti che hanno fin qui partecipato ai tavoli e dove si sono presi impegni, ognuno per la propria parte”. Questa mattina, a partire dalle ore 8 l’assemblea dei dipendenti.
Solo venerdì scorso l’allarme relativo allo stipendio di ottobre: http://www.radiogold.tv/?p=30231
Il punto del sindaco Santarelli 

“Venerdì 10 novembre ho convocato le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil e i capigruppo per parlare delle azioni da intraprendere in maniera unitaria sul tema lavoro. Ho spiegato quale è l’intenzione dell’Amministrazione e gli obiettivi che intendiamo raggiungere con la convocazione della commissione lavoro della regione Marche a Fabriano: formulare una richiesta forte e condivisa, che contempli anche la richiesta di inserimento nell’area di crisi complessa, da sottoporre al Governo. Questo dopo aver ascoltato quali sono i piani della regione per il nostro territorio e dopo averli resi consapevoli di tutto quello che stiamo subendo non solo in termini di perdita di posti di lavoro ma anche di diminuzione dei servizi: Camera di Commercio, incertezza sul futuro dell’ufficio Inps, revoca dell’accreditamento per la formazione al Centro per l’impiego, incertezza sul futuro della stazione ferroviaria, cronica carenza di personale sanitario in diversi reparti del Profili… Quindi sottoporremo l’ordine del giorno al consiglio e una volta ottenuto il voto unanime coinvolgeremo gli altri comuni, i sindacati e le associazioni di categoria per dare forza e sostanza alla richiesta. All’incontro abbiamo convenuto di dover dedicare a questo tema una seduta del consiglio comunale e questo avverrà martedì 21 al termine del consiglio comunale congiunto con il consiglio junior”. Lo riferisce il sindaco Santarelli su Facebook.