“PERSONALE STAZIONE FABRIANO A RISCHIO, IN 14 TRASFERITI AD ANCONA”

L’allarme, l’ennesimo sul Fabrianese, è stato lanciato su Facebook dal sindaco della città della carta, Gabriele Santarelli: “7 macchinisti e 7 capitreno verranno dirottati dalla stazione di Fabriano a quella di Ancona. A quanto pare è volontà dell’assessorato regionale potenziare, a partire dai nuovi orari di dicembre, le linee Ancona-Macerata e Ancona-Ascoli a discapito di quelle Ancona-Fabriano e Fabriano-Macerata. Oggi, 7 novembre, chiederò un incontro con l’assessore regionale per capire se questo corrisponde alla realtà. Se così fosse si prospetterebbe l’ennesimo attacco scellerato al nostro territorio con responsabilità politiche ben identificate”. I disagi non finiscono mai. Leggi la rabbia dei pendolari: http://www.radiogold.tv/?p=28355

Primo gennaio 2016, dal nostro archivio 

Chiude il Deposito Ferroviario di Fabriano operativo dal 1865. La città ha salutato un altro punto strategico dopo aver già perso tanti operai metalmeccanici, il Tribunale, alcuni servizi dell’ospedale Profili e la tratta ferroviaria Fabriano-Pergola. A rischio 20 dipendenti Trenitalia in servizio al Deposito e 10 addetti di due ditte appaltatrici che svolgono mansioni di pulizia e servizi accessori che, ad oggi, ancora non hanno ricevuto nessuna comunicazione circa il loro futuro e a quale sede sono stati assegnati. Già due anni fa, su questo sito, la presa di posizione di Gabriele Santarelli, attuale sindaco di Fabriano. “Un servizio essenziale che chiude – spiega Santarelli, Movimento 5 Stelle – mentre entrano in funzione i nuovi treni diesel che ora, per essere manutenuti, dovranno arrivare ad Ancona. Viaggi a vuoto inutili e dannosi. Complimenti alle menti geniali che hanno generato questo piano infallibile a discapito dei cittadini”. Polemiche anche per i continui disagi lungo la linea Ancona-Roma. “Chi vive di treni locali o regionali ha una compagna di viaggio che, di solito, non lo abbandona mai: la pazienza. Disagi, ritardi, convogli vecchi ed obsoleti: la situazione del trasporto ferroviario locale è nota a tutti. Secondo un rapporto di Legambiente nella top ten delle peggiori linee ferroviarie d’Italia risulta, al 9° posto, la tratta Orte-Fabriano, segmento centrale della strada ferrata che collega Roma ad Ancona.

Marco Antonini