L’AUTOPSIA SUL CORPO DELLA PICCOLA

La bambina vissuta 11 ore sarebbe morta per arresto cardiaco dovuto a forti problemi respiratori. E’ questa la prima conclusione a cui sono giunti all’Istituto di medicina legale di Ancona dove ieri è stata effettuata l’autopsia sul corpo della bimba nata improvvisamente lunedì mattina, in un’abitazione nella periferia di Fabriano, all’ottavo mese di gravidanza. L’equipe ha effettuato anche esami analitici: nelle prossime settimane i risultati di questi accertamenti potranno dire con certezza se a provocare il decesso è stata una malformazione congenita o le sue condizioni di salute sono peggiorate dopo il parto prematuro avvenuto a casa senza assistenza sanitaria e senza correre subito dopo il lieto evento in ospedale. Nei giorni scorsi i carabinieri di Fabriano hanno sentito più volte papà e mamma per cercare di ricostruire quelle undici ore tra il parto prematuro in casa e la telefonata d’urgenza a sanitari del 118 e la successiva corsa con l’eliambulanza all’ospedale pediatrico Salesi.

m.a.

error: Riproduzione delle notizie e delle immagini vietata - Diritti riservati