NON VOGLIONO UNA NUOVA SCUOLA!

di David Grillini, Consigliere Comunale lista CambiaMenti Cerreto d’Esi

In occasione dell’assemblea organizzata dal Comitato Scuole Sicure, al di la dell’impacciato politichese che il sindaco ha palesato, a noi è sembrato evidente che l’intenzione reale della maggioranza sia quella di non “lottare” per la costruzione di un nuovo ed unico plesso scolastico, innanzitutto perché questi signori non hanno idee molto chiare, tant’è che si stanno formalizzando erroneamente sul concetto “la scuola è agibile”. Perché diciamo che non vogliono affrontare il problema scuola? Rispondiamo facendo un ragionamento insieme a voi, ovvero vogliamo fare un parallelismo tra un argomento che interessa e uno che non interessa questa amministrazione, per farvi capire la maniera diversa e dal nostro punto di vista sbagliata, con cui agiscono ed esaminano le priorità.

1) il sindaco ha la facoltà di assegnare un incarico in forma diretta qualora l’importo della spesa sia inferiore a 40.000 euro e sia adeguatamente motivato. Dunque, prima domanda, come mai per l’assegnazione dell’incarico a redigere i certificati sulla vulnerabilità sismica si è fatto un bando che di fatto ha generato la perdita di un mese di tempo in una situazione, quella sismica, tutt’altro che serena? Eppure per la demolizione di Casa Volpini è stata fatta una delibera assegnando un incarico diretto di 39.000 euro “in men che non si dica!”

2) ai tecnici che si sono aggiudicati il compito di calcolare la vulnerabilità sismica, è stato detto che non verrà formulato un impegno di spesa, ma che verranno pagati quando il comune avrà la possibilità di farlo, si parla di tempi molto lunghi, presumibilmente i tecnici dovranno affrontare spese “imprenditoriali” (prelievo campioni e prove tecniche sui materiali) che faranno ditte specializzate e università, ma questi enti giustamente vogliono esser pagati rapidamente e non crediamo che i tecnici, visto che già non sanno quando verranno pagati, vorranno rischiare di pagare di tasca loro queste spese. Se non si trova una soluzione la produzione dei certificati potrebbe essere a rischio, cioè i tecnici potrebbero ritirarsi (speriamo il comune si prenda l’impegno di affrontare le spese vive sostenute). Eppure per Casa Volpini i soldi della demolizione non bastavano e si è provveduto ad avere (cosa alquanto anomala per il nostro comune) delle donazioni ad hoc per proseguire con l’abbattimento di una parte del nostro patrimonio immobiliare/culturale!

3) come mai tutto questo ostruzionismo, continuando a far restare i ragazzi in una scuola del 1909 mai adeguata simicamente (miglioramento non è uguale ad adeguamento) e non prendere decisioni fondamentali per la sicurezza?? Eppure ci risulta, ed anche il sindaco non ne fa più mistero, che il vero scopo dell’assurda distruzione di Casa Volpini sia la realizzazione di un nuovo centro per anziani. E qui proprio non capisco. Noi abbiamo una casa albergo funzionante per la quale sono stati investiti molti soldi, struttura tra l’altro che nelle varie ristrutturazioni ha dovuto subire l’adeguamento sismico obbligatorio per legge, quindi abbiamo degli edifici, che hanno tutto per tutelare la sicurezza e il servizio a 25 ospiti che a causa del terremoto sembra possano diventare 36 per gentile concessione di altri 11 posti letto. La domanda è: ma si può portare avanti questo progetto per garantire a 36 anziani una sicurezza che già hanno, ed ignorare la costruzione di una nuova scuola media lasciando tra alunni e personale circa 180 persone in precarie condizioni di sicurezza?

Per CambiaMenti questi non sono due capitoli distinti, prima la scuola che è prioritaria, poi se ancora restano energie si può valutare altro, fermo restando che il chiacchiericcio da bar che ascoltiamo riguardo la nuova casa albergo non promette nulla di buono. Caro sindaco non pensare che CambiaMenti, ma tutti i cerretesi, ti lascino costruire una nuova casa albergo senza aver prima costruito una nuova scuola! Politicamente ci aspettano, ma dico anche che ti aspettano, tempi duri!

Leggi di più

SCUOLE PIU’ SICURE CON LA PROVA DI VULNERABILITA’:  http://www.radiogold.tv/?p=25295