BANCA MARCHE, EX VERTICI IN MIRINO CONSOB: HANNO OCCULTATO INFORMAZIONI

Sono 16 le persone finite nel mirino della Consob per carenze informative nel prospetto dell’aumento di capitale 2012 di Banca Marche che portò all’emissione di 212 milioni di nuove azioni al prezzo di 0,85 euro, per un controvalore complessivo di 180 milioni di euro. Si tratta degli ex componenti del cda, del collegio sindacale e del dg presenti nella seduta dell’11 gennaio 2012, quando fu letta la lettera di Bankitalia con valutazioni molto pesanti sulla situazione della banca.

Consob, ex vertici BM sapevano e hanno occultato informazioni

La lettera di contestazione è stata inviata nei giorni scorsi da Consob a Michele Ambrosini, Tonino Perini, Lauro Costa, Giuliano Bianchi, Massimo Cremona, Bruno Brusciotti, Pio Bussolotto, Eliseo Di Luca, Germano Ercoli, Walter Darini, Marcello Gennari, Mario Volpini, Piero Valentini, Franco D’Angelo, Marco Pierluca, e all’ex dg Massimo Bianconi. Secondo Consob, che ha acquisito il verbale della seduta dell’11 gennaio 2012, “a fronte della condivisa preoccupazione da parte dei consiglieri per il contenuto della lettera di Banca d’Italia, gli stessi hanno ritenuto opportuno ometterne l’avvenuto ricevimento alla Consob e di conseguenza ai destinatari dell’aumento di capitale i quali hanno sottoscritto detto aumento ignorando gli esiti delle ispezioni di vigilanza che, se conosciuto, avrebbero potuto verosimilmente dissuadere gli stessi dall’aderire all’offerta”. “La mancata comunicazione nel prospetto di adeguate informazioni in merito alle valutazioni espresse dalla Banca d’Italia – continua Consob – non è imputabile a mera negligenza o a una sottovalutazione dell’importanza che detto elemento informativo aveva ai fini di una corretta formazione del giudizio di investimento da parte del destinatario dell’offerta, ma è avvenuto scientemente e quindi al preciso fine di occultare al mercato un elemento di criticità che se conosciuto avrebbe potuto mettere a repentaglio il buon esito dell’aumento di capitale ed il rinnovo dei vertici aziendali previsti dopo pochi mesi”. (Ansa)