28ENNE ARRESTATO A FABRIANO PER TENTATO OMICIDIO. CAMIONISTA IN RIANIMAZIONE

Verso le ore 00,30 di questa notte alla centrale Operativa dei Carabinieri della Compagnia di Fabriano agli ordini del Maggiore Iurlaro è giunta una telefonata da parte di un cittadino turco, il quale, con un italiano poco comprensibile, ha denunciato l’aggressione subita da un suo amico connazionale ad opera di un cittadino verosimilmente polacco. Al parcheggio dei camion del quartiere Campo Sportivo sono state fatte immediatamente convergere due equipaggi, i quali, dietro indicazioni del telefonista, hanno individuato un cittadino polacco (M.P. di anni 28),  con evidenti tracce di sangue su varie parti del corpo, mentre poco distante giaceva supino un uomo gravemente ferito, che immediatamente soccorso e portato in ospedale Profili gli sono state diagnosticate serie ferite cranio e ossa nasali, tale per cui è stato giudicato in prognosi riservata. Il polacco, nel frattempo, in stato di manifesta ubriachezza, nel tentativo di sottrarsi al fermo, ha usato violenza anche nei confronti dei militari che, non con poca fatica, sono riusciti ad immobilizzarlo. Costui, anch’egli camionista con il mezzo pesante parcheggiato sulla stessa area, già nelle ore precedenti aveva dato segni di intemperanza, tanto che, presentandosi davanti alla vittima ed al collega che stavano consumando la cena, aveva afferrato uno sgabello e sbattutolo per terra. Dalla ricostruzione dei fatti operata dai Marescialli Giuseppe Marinotti e Erminio Patrociello, appare verosimile che il polacco, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’eccessiva ingestione di alcool, senza alcun motivo, ha selvaggiamente aggredito la vittima, un camionista turco di anni 49, ora ricoverato in rianimazione presso l’ospedale di Fabriano. Il Polacco, invece, dopo manifestazioni violente avute anche presso il pronto soccorso, dove è stato necessario immobilizzarlo in 6 persone, è stato dichiarato in arresto per tentato omicidio e violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e trasferito presso la Casa Circondariale di Ancona, a disposizione del P.M. di turno.

cs