COME CAMBIA IL MERCATO IMMOBILIARE MARCHIGIANO?

Come cambia il mercato immobiliare? A Jesi “Le Settimane dell’Acquirente” per rispondere in modo chiaro ai dubbi di chi vuole acquistare o vendere o semplicemente valutare le prospettive di un immobile, di un progetto. Perché comprare casa? Come valutare le prospettive di un immobile? Quali vantaggi fiscali caratterizzano il periodo? In attesa dell’evento che il 21 maggio porterà a Jesi (ore 19.30, Hotel Federico II) l’unica tappa marchigiana del tuor RE/MAX “Le Settimane dell’Acquirente”, qualche dato sui cambiamenti in atto, anche nel mercato della Vallesina, dall’Ufficio Comunicazione di RE/MAX Aequitas, con sede a Jesi, Agenzia organizzatrice della tappa.

I dati Istat lo hanno confermato: nel 2014 è continuata, anche se a ritmi inferiori rispetto al 2013, la discesa dei prezzi delle case, sia quelle acquistate a fine abitativo sia quelle comprate per investimento. Rispetto al 2010, una riduzione dell’11,5%. Prezzi più bassi e compravendite che nel residenziale hanno segnato un +3,6% su base annua riferito al 2014 (dati dell’agenzia delle Entrate) con un picco del 7,1% negli ultimi tre mesi. L’Ufficio Comunicazione RE/MAX Aequitas, con sede a Jesi, ha analizzato il quadro con particolare attenzione per la provincia di Ancona e la Vallesina, in attesa dell’evento RE/MAX Italia, che vedrà Jesi come unica tappa marchigiana per il tour di seminari “Le Settimane dell’Acquirente”, 20 tappe italiane per una formazione gratuita sulle dinamiche del mercato, le possibilità finanziarie, le opportunità da cogliere, per chi ha un immobile da vendere e vuole capire le prospettive future, per chi vuole acquistare consapevolmente.

Aperto alla cittadinanza, oltre che ai professionisti del settore, l’appuntamento vedrà in campo esperti RE/MAX per fornire informazioni utili e rispondere alle sollecitazioni: giovedì 21 maggio, ore 19.30, Hotel Federico II, Jesi. “Il risultato della nostra analisi è stato interessante e, confrontato con l’esperienza quotidiana sul campo – ha dichiarato Federico Marzioni, broker RE/MAX Aequitas e consigliere FIAIP Ancona – ci ha fornito una fotografia positiva del momento, nella zona di Ancona, confermandoci un ulteriore aumento del movimento che stiamo registrando nelle compravendite e nelle azioni degli utenti, con una rinnovata voglia di tornare ad investire e credere nel mattone e nel potere della casa di migliorare la qualità della vita. Il mercato delle abitazioni ha ricevuto ad Ancona, nel corso del 2014, un’iniezione positiva rispetto al triennio precedente, con un aumento del 10,5% sulle compravendite, registrando un’ulteriore diminuzione dei prezzi del 4,8% per le abitazioni nuove e del 4,6% per quelle usate. Nomisma ce lo ha confermato a marzo. Anche la Vallesina ha registrato un aumento di compravendite apprezzabile”.

Scorrendo il Borsino delle quotazioni immobiliari per capire l’attuale situazione in termini di cifre indicative, al capoluogo dorico si vede associata una quotazione media di 1.683 euro al metro quadro, mentre attenzionando la Vallesina il quadro varia dai 1.420 euro al metro quadro di Jesi ai 1.027 di Chiaravalle, dai 1.020 di Monsano ai 907 di Maiolati Spontini, dai 1.212 di Falconara Marittima ai 904 di Morro D’Alba. “Ovviamente si tratta di cifre indicative – precisa Marzioni – che vanno poi tarate sugli immobili concreti (prendendone in considerazione tutti gli elementi) e sulle zone di riferimento. La Vallesina, ad esempio, offre un quadro molto variegato e disomogeneo. La stessa Jesi, se scorriamo invece i dati forniti da immobiliare.it, presenta una forbice tra i 1.500 e i 2.200 euro, e si tratta di ‘euro richiesti per metro quadro’. In questo senso il ruolo del professionista è proprio quello di studiare, indagare, massimizzare il valore e far emergere il miglior prezzo che il mercato possa partorire, supportando le richieste concrete e fondate, non quelle fuori mercato o poco consapevoli, con chiarezza e dati di fatto. I prezzi saranno in diminuzione fino al 2016, ci dicono gli analisti, ed il momento positivo per l’acquisto è supportato dai tassi di interesse dei mutui ai minimi storici”. “In un quadro così complesso di valori e situazioni, l’impegno dell’agente immobiliare – chiarisce Laura Togni, broker RE/MAX Aequitas – è rivolto a favorire il miglior incontro tra domanda e offerta. Sono tante le coppie con cui ci interfacciamo e che desiderano realizzare il sogno più ambizioso della vita: la casa è ancora bene primario. Bisogna accompagnarle nel percorso verso l’obiettivo, affinché lo raggiungano, e con soddisfazione. Vicinanza costante e attenta anche a coloro che hanno desiderio di vendere (per necessità o per realizzare nuovi progetti), in modo che riescano a farlo nella maniera ottimale. Comprensione delle esigenze di ogni utente, dunque, empatia, trasparenza e massima professionalità: questi i dictat per il vero agente immobiliare. Si può dire che la crisi lo abbia ricordato a tutti”.

cs